• La trasformazione sostenibile alla prova del Bilancio comunale
    giovedì 12 giugno – ore 11.00
    Palazzo Marino, Piazza Scala 2 – Sala Brigida

    A 3 anni esatti dall’approvazione a larga maggioranza dei 5 referendum per l’ambiente e per la qualità della vita promossi da Milanosimuove con un’iniziativa trasversale che ha mobilitato associazioni e cittadini, qual è lo stato di attuazione da parte dell’Amministrazione Pisapia delle misure previste, ratificate dal Consiglio comunale e dalla stessa Giunta?

    I promotori dei referendum daranno una pagella analitica e indicheranno le misure che intendono attivare (anche in attuazione del Regolamento di iniziativa popolare) perché non si perda l’ultima occasione, con il bilancio 2014 in fase di approvazione, per realizzare la trasformazione sostenibile di Milano chiesta dai milanesi.

    Intervengono tra gli altri:
    Edoardo Croci (Presidente Milanosìmuove)
    Marco Cappato (Segretario Milanosìmuove)
    Enrico Fedrighini (Portavoce Milanosìmuove)
    Anna Gerometta (Presidente Genitori antismog)
    Guido Rosti (gruppo di lavoro Riapertura dei Navigli)

  • I rappresentanti che voteremo il 25 maggio decideranno la qualità dell’aria che respireremo nei prossimi 20 anni.  Per questo motivo alleghiamo un impegno che vi chiediamo di inviare ai vostri candidati al Parlamento Europeo chiedendogli di sottoscriverlo ORA! Restituiteci l’impegno firmato (info@genitoriantismog.it), lo pubblicheremo sul nostro sito e gli daremo risalto!

    Lo scorso 18 dicembre la Commissione Europea ha presentato la sua proposta di “Programma Aria Pulita”, dal quale dipenderà il livello di tutela della salute dei cittadini europei e che influenzerà anche le azioni a tutela del clima in Europa. La proposta sarà oggetto di dibattito al Parlamento Europeo a partire dal luglio 2014, durante la presidenza italiana del Consiglio Europeo.

    Il Programma proposto non è sufficientemente ambizioso e, se non interverranno modifiche, rappresenterà un’occasione perduta!

  • E' appena terminata la settimana (17-21 marzo) nella quale abbiamo invitato tutti i bambini delle scuole primarie del Comune di Milano ad andare a scuola a piedi, in bici, in skateboard, in monopattino o con i mezzi pubblici.

    Vi aspettiamo alla festa finale: nel porticato della Rotonda della Besana, il 12 e 13 aprile 2014, metteremo in mostra i lavori dei bambini, presenteremo i risultati dell’edizione 2014 e consegneremo i premi alle scuole vincitrici.

    Ecco il programma della festa:


  • Abbiamo raccolto l
    'invito di ARPA Lombardia e dopo un confronto con i nostri sostenitori (che ringraziamo), un'analisi delle esigenze dei diversi stakeholders e un confronto con quanto fanno altre realtà simili, ecco la nostra lettera nella quale proponiamo diversi cambiamenti che potrebbero migliorare l'utilizzo del sito e la fruibilità dei dati pubblicati. Questi in particolare dovebbero essere disponibili IN TEMPO REALE!

  • A Milano in meno di un mese una ragazzina di 13 anni e un bambino di 10 sono stati investiti sulle strisce pedonali e gravemente feriti.

    Si potrebbe dire che sono delle fatalità o il frutto di comportamenti individuali irresponsabili. Ma purtroppo così non è. Quante volte a Milano capita di vedere un vigile multare un automobilista per eccesso di velocità o per non aver rispettato la precedenza del pedone sulle strisce? Eppure queste gravi infrazioni vengono compiute di continuo, sotto gli occhi di tutti: il senso di impunità diffuso è complice di queste violazioni del codice della strada.

    Ciclobby, e poi il Tavolo della ciclabilità di cui Genitori Antismog fa parte, hanno chiesto all’assessore competente Granelli, già all’indomani della morte di Giacomo Scalmani, a novembre 2011, di istituire un sistema di verifica delle sanzioni sui temi della sicurezza in bici e a piedi. Un tema assolutamente cruciale per la mobilità sostenibile a Milano e per consentire ai cittadini di Milano di muoversi – senza auto – in condizioni di relativa sicurezza. La richiesta, reiterata più volte da allora, è ancora dopo oltre due anni inevasa, nonostante le promesse dell’assessore Granelli. Le politiche di sanzione sono il frutto di direttive politiche. Il silenzio sul tema delle sanzioni equivale ad una ammissione di colpa.

    Nel frattempo il Sindaco Giuliano Pisapia, dimentico delle richieste che gli vengono  dai suoi concittadini,  sente la necessità di siglare accordi internazionali per la ciclabilità e la mobilità dolce. Ma a Copenaghen, caro Sindaco, non si sognerebbero di trasformare i marciapiedi in luoghi di sosta per le auto con righe nuove di zecca (come in via Archimede, nella foto sotto). 

    Cosa sta insegnando questa amministrazione ai bambini delle scuole che si stanno iscrivendo a Siamo Nati per Camminare? Che le auto hanno sempre, ovunque, e anche illegalmente,  la precedenza?

    Alla luce di tutto quanto precede Genitori Antismog, insieme a FIAB Ciclobby onlus, chiede al Sindaco di verificare concretamente l’adeguatezza delle persone cui ha delegato il governo della sicurezza del traffico e della mobilità cittadina e di valutare se non sussistano i presupposti per una revoca degli incarichi conferiti.

     

  • Insieme a Bologna, Napoli, Torino e Roma per accompagnare a scuola in bicicletta centinaia di bambini delle elementari!

    Dopo la prima edizione del 29 novembre scorso, che è stata un grande successo in tutte le città coinvolte, e dopo 4 mesi di appuntamenti milanesi ricorrenti, torna un evento nazionale per celebrare la bicicletta come mezzo di trasporto ideale per accompagnare i bambini a scuola.

    Le scuole partecipanti all’iniziativa del 31 gennaio e il dettaglio di appunamenti e percorsi saranno comunicati nei prossimi giorni. Informazioni aggiornate nella pagina Facebook: https://www.facebook.com/inbiciascuola e nel sito http://www.inbiciascuola.it.

    L’adesione all’evento nazionale “Bike to school day” è realizzata con il supporto di: Fiab Ciclobby Onlus (www.ciclobby.it) e Genitori Antismog (www.genitoriantismog.it).

  • Milano, 22 novembre 2013
    Oggi la Commissione per la Concessione delle Civiche Benemerenze del Comune di Milano ha comunicato i 52 nomi che saranno premiati durante la cerimonia di S.Ambrogio il 7 dicembre.
    L'associazione Genitori Antismog riceverà l'attestato di civica Benemerenza.

    Che dire? Orgogliosi e preoccupati continueremo ad impegnarci per migliorare la qualità dell'aria (e della vita) di Milano!

    La cerimonia di consegna sarà il 7 dicembre al Teatro Dal Verme.

  • Creare sicurezza nella mobilità è compito di chi governa.
    Oggi invece da tempo i cittadini indicano il problema e, da ancor più tempo,  attendono soluzioni. Ne sono una riprova i dati  relativi al 2012 pubblicati ieri dall’Osservatorio sulle utenze deboli  che indicano – per Milano - un incremento degli incidenti e dei morti con vittime pedoni (+ 64%) e ciclisti (+25%) rispetto al 2011.

    In attesa che l’amministrazione si assuma le sue responsabilità di governo del territorio in termini di mobilità Genitori Antismog plaude e sostiene la bellissima iniziativa “in bici a scuola a Milano”, promossa da qualche settimana a Milano da gruppi di genitori di varie scuole elementari che, con l’aiuto di Critical Mass Milano, vuole evidenziare l’insicurezza della ciclabilità a Milano e sostenere concretamente – creando un cordone di sicurezza – i bambini che desiderano recarsi a scuola in bicicletta.

    Genitori Antismog aderisce e sostiene il Bike to school day Nazionale che si terrà giovedì 29 novembre in molte città d’Italia e che a Milano si articolerà come sotto indicato.

    Invitiamo chi ci segue a sostenere questa iniziativa, a creare propri gruppi scuola coordinandosi con inbiciascuola@gmail.com, e a partecipare attivamente al servizio di sicurezza dei bambini e collegandosi al sito https://www.facebook.com/inbiciascuola per essere aggiornato sugli appuntamenti nella propria zona.

    Gli appuntamenti attualmente previsti per il 29 novembre a Milano sono:

    • ore 8:00, parco Solari, e da lì in bici verso le scuole di via Bergognone e di via Ariberto e del convitto Longone (via degli Olivetani)
    • ore 8:00, fermata M1 Gorla, e da lì in bici verso la scuola di via G. Mattei
    • ore 8:00, piazza Santa Maria delle Grazie, e da lì in bici verso la scuola di via Sant’Orsola
    • ore 8:00, largo Zandonai angolo via Panzini, e da lì in bici verso la scuola di via Rasori
    • ore 8:00, piazza Tommaseo, e da lì in bici verso la scuola di via Ruffini
    • ore 8:00, via Cuccagna, e da lì in bici verso la scuola di via Colletta
    • ore 8:00, piazza Dergano, e da lì in bici verso la scuola di via Guicciardi
  • La Via d’Acqua è un progetto che deve portare acqua dal Canale Villoresi al sito Expo e uscirne fino a raggiungere il Naviglio Grande sotto San Cristoforo, attraversando il territorio ad ovest di Milano.
    Quest’opera non utilizza né valorizza il reticolo idraulico naturale né quello artificiale esistente, si integra male nel paesaggio naturale e, nel tratto di attraversamento dei Parchi del Comune di Milano a ovest della città, diventa una nuova ingombrante struttura nel territorio, una ferita, un canale non navigabile, in gran parte interrato, non utile per irrigazione e dal costo esorbitante (intorno ai 90 mln complessivi di fondi pubblici).

    Vi invitiamo a firmare la petizione: Al sindaco di Milano Pisapia, chiediamo che venga modificato il tracciato dell "via d'acqua"

    per approfondimenti: 
    Italia Nostra Milano Nord
    Proposta di Italia Nostra per una variante 
    Pagina facebook del 
    Coordinamento di Cittadini milanesi dei quartieri San Leonardo-Trenno-Gallaratese

  • Vi mettiamo a conoscenza dell'intervento dell'Assessore regionale all'ambiente Terzi pubblicato sul Corriere della Sera pochi giorni dopo la nostra richiesta di un consiglio regionale dedicato al tema dell'inquinamento. E vi aggiungiamo la nostra risposta che non siamo riusciti a far pubblicare sulle stesse pagine come avremmo voluto e crediamo, per correttezza di informazione del pubblico, sarebbe stato giusto.

    L'assessore infatti, nel suo intervento fa riferimento ad uno studio commissionato da Regione Lombardia e riferisce l'impatto sanitario ivi indicato come se quello, nell'ordine di poche centinaia di morti/anno, fosse l'impatto sanitario totale dell'inquinamento dell'aria in Lombardia. Nella nostra risposta spieghiamo all'Assessore, che non essendo un tecnico confidiamo fosse in buona fede, che i numeri da lei riportati sono di molte volte inferiori a quelli reali ove si quantifichi non solo l'impatto a breve termine valutato dallo studio in relazione solo al PM10 e NO2, ma anche l'impatto a lungo termine e quello di tutti gli inquinanti lombardi -primo l'ozono - non considerati nello studio