L’aria pulita e la pianificazione regionale: un grande risultato per i Genitori Antismog

Il 2012 è stato per la nostra associazione un anno importante. Sostenuti da Patagonia, abbiamo potuto portare a termine l’azione, iniziata nel 2011, per ottenere che Regione Lombardia mettesse in cantiere la programmazione e pianificazione regionale delle misure per la riduzione dell’inquinamento dell’aria. Raggiungere questo risultato non è stato semplice. Tanto lavoro, due gradi di giudizio, la nostra partecipazione alla procedura di pianificazione,  ma a gennaio 2013 siamo orgogliosi di poter dire che la pianificazione in corso, che ci auguriamo verrà ripresa e migliorata dal nuovo governo regionale, è anche merito nostro.

Il Piano Regionale degli Interventi per la Qualità dell’Aria (PRIA) prevede:

  • a fronte dell’attuazione al 2015 delle misure riguardanti i trasporti, una riduzione di emissioni pari a 524 Tonnellate di PM10, 8620 ton di  NOX, 3159 ton/COV
  • a fronte dell’attuazione delle misure in campo energetico una riduzione di emissioni pari a 2610 ton/PM10, 7631 ton/ NOX e 4582 ton/COV.

Il Piano va migliorato e comunque implementato. Le misure del settore trasporti sono ancora insufficienti e mancano molti interventi possibili. Ma è un inizio. Un inizio importante i cui sviluppi sono nelle mani del prossimo governatore della lombardia.

CONTROLLATE I PROGRAMMI DEL VOSTRO CANDIDATO PREFERITO IN MATERIA DI AMBIENTE !

Ecco i fatti:
2011

  • AGOSTO: Genitori Antismog chiede a Regione Lombardia di verificare lo strumento di pianificazione regionale, la cui redazione è obbligatoria in base alle norme nazionali (D.Lgs. 155/2010) ed europee (Dir. 2008/50/CE), volto a far rientrare nei limiti di legge gli inquinanti dell’aria nella nostra Regione. La risposta è un groviglio di delibere non aggiornate né coordinate: tutto fuorché un piano dell’aria, ovvero uno strumento organico di pianificazione, da aggiornare in caso di sua insufficienza, “mirato alla prevenzione  dell’inquinamento atmosferico e alla riduzione delle emissioni a tutela della salute e dell’ambiente”.
  • NOVEMBRE: Genitori Antismog propone ricorso al TAR per ottenere l’accertamento dell’inadempimento della Regione agli obblighi di pianificazione e la condanna all’adozione in tempi brevi del piano per l’aria.
  • DICEMBRE: Regione Lombardia promuove la procedura di approvazione Programma Regionale degli Interventi per la Qualità dell’Aria.

2012

  • APRILE/GIUGNO: Con DGR Regione Lombardia individua i soggetti interessati alla Pianificazione – fra i quali Genitori Antismog – e comunica l’avvio della Pianificazione Partecipata.
  • LUGLIO: Regione Lombardia promuove la procedura di partecipazione e Valutazione Ambientale Strategica. Ma dall’inizio della procedura sono stati persi mesi preziosi e Regione Lombardia non assegna a sé stessa alcuna scadenza per la predisposizione della proposta preliminare di Piano.
  • SETTEMBRE: Il 4 settembre il TAR, con sentenza 2220/2012,  accoglie la domanda della nostra associazione e ordina a Regione Lombardia di predisporre la Proposta di Piano di Interventi per la Qualità dell’Aria entro 60 giorni.
    Il 27 settembre Genitori Antismog partecipa al Forum degli Stati Generali dell’Aria indetto da Regione Lombardia nell’ambito della procedura di partecipazione per la redazione del piano di interventi sull’Aria (PRIA).  Trovate qui le osservazioni presentate al forum dalla nostra Associazione.
  • OTTOBRE: Regione Lombardia propone ricorso al Consiglio di Stato avverso la sentenza del TAR che la obbliga a procedere speditamente nella pianificazione e chiede al Consiglio di Stato di sospendere l’esecutività della sentenza del TAR.
    L’11 ottobre Genitori Antismog deposita, anche grazie alla partecipazione dei nostri attivisti e di coloro che ci seguonocontributo in ordine alla proposta preliminare predisposta dalla Regione.
    Il 27 ottobre il Consiglio di Stato, con ordinanza n. 4<,  respinge l’istanza di sospensiva proposta dalla Regione: LA PIANIFICAZIONE SULL’ARIA DEVE ANDARE AVANTI!
  • NOVEMBRE: L’8 novembre Regione Lombardia deposita la proposta di Piano dell’aria e i documenti attinenti.
  • DICEMBRE: Con sentenza n. 6519/2012 il Consiglio di Stato dichiara improcedibile per carenza di interesse  il ricorso in appello promosso da Regione Lombardia poiché quest’ultima ha integralmente adempiuto alla sentenza del TAR

2013

  • GENNAIO: Il 9 gennaio Genitori Antismog deposita osservazioni sulla proposta di piano.

Allegati

Condividi
Share