Motori rombanti in gara in città? No grazie!

Milano, 30 giugno 2017, abbiamo scritto a Sindaco e assessori al turismo, ambente e mobilità

Motori rombanti in gara in città? No, grazie!
Apprendiamo dalla stampa con sconcerto, incredulità e rabbia che la Regione Lombardia ha
promosso a Milano un rally automobilistico, con un tracciato che interesserà in modo diffuso
non solo la città e la sua area metropolitana, ma addirittura il centro storico, con passaggi anche in
piazza Castello e in Duomo, dunque persino in piena AreaC.
Riteniamo inaccettabile che in una città già pesantemente congestionata dal traffico, con gravi
problemi di inquinamento atmosferico e da rumore, problemi tanto noti, anche nei loro effetti,
quanto lontani dall’essere risolti, si possa autorizzare e promuovere una manifestazione nella
quale le vie cittadine diventano il circuito di una gara di veicoli a motore.
Non ci è chiaro quale visione dello sviluppo urbano esprimano queste iniziative, quale contropartita
ne riceva in cambio Milano, né se una simile attività possa davvero definirsi “evento sportivo”,
concetto nel quale dovrebbe prevalere un’idea salutare, qui all’evidenza assente.
Ma in ogni caso dubitiamo fortemente che questo sia il modo per promuovere una città attrattiva ed
accogliente, sostenibile e a misura di persona.
Riteniamo, oltretutto, che simili scelte si pongano in aperta contraddizione con l’impianto di
politiche ambientali, come AreaC, che si pongono l’obiettivo di scoraggiare e ridurre l’afflusso di
traffico privato motorizzato, a favore di trasporto pubblico e mobilità dolce.
Lo diciamo, pacatamente ma con forza, a tutte le istituzioni milanesi e lombarde: state
dando un messaggio sbagliato, di cui davvero non si sentiva il bisogno!
Con impegno, e talvolta con fatica, le nostre associazioni ambientaliste, con molti cittadini, da tanti
anni lavorano, anche insieme alle istituzioni e alle amministrazioni locali, per favorire lo sviluppo di
città sane, piacevoli, ambientalmente consapevoli e con elevati standard di qualità della vita.
Se Milano vuole seriamente essere all’avanguardia nelle politiche della mobilità sostenibile, come
può offrire il suo palcoscenico a iniziative che di sostenibile non hanno proprio nulla?

Chiediamo
al sindaco Giuseppe Sala, anche nel suo ruolo di sindaco della città metropolitana, alla vice
sindaco Anna Scavuzzo, all’ Assessore alla Mobilità e Ambiente Marco Granelli e all’Assessore a
Turismo, Sport e Qualità della vita Roberta Guaineri
di ritirare il patrocinio del Comune di Milano alla manifestazione
e di non consentire il ripetersi di analoghe iniziative in futuro.

FIAB Milano Ciclobby
Genitori Antismog

Condividi
Share