Newsletter

L’NO2, i riscaldamenti e la disinformazione sullo smog

Non solo PM10!

La popolazione di Milano e dell’area metropolitana è esposta costantemente a valori di diossido d’azoto (NO2) superiori anche del 100% ai limiti imposti dalla normativa.
Nel 2015, 7 centraline milanesi su 8 hanno registrato il superamento dei limiti di legge come media annuale di NO2.

Cos’è il diossido d’azoto? Gli NOx, e in particolare l’NO2, sono gas nocivi per la salute umana in quanto forti irritanti delle vie polmonari. Provocano irritazioni delle mucose, bronchiti e patologie più gravi come edemi polmonari. I soggetti più a rischio sono i bambini e le persone già affette da patologie all’apparato respiratorio. L’NO2 è responsabile in Italia di 21.600 morti premature all’anno.

Da dove arrivano gli ossidi d’azoto? Nell’area metropolitana di Milano la principale fonte di emissione è il trasporto su strada (66%), seguita dalle combustioni non industriali (14%). I riscaldamenti sono ricompresi nelle combustioni non industriali. La causa principale del NO2 da traffico sono i motori diesel (fonte: ARPA Lombardia).

La disinformazione sullo smog

Guardate questo titolo di Repubblica Affari e Finanza: “Il riscaldamento in città inquina più del traffico“.

E’ mai possibile, dato che sono anni che noi diciamo esattamente il contrario, citando studi e dati scientifici!? Infatti no, non è possibile. Il giornalista cita uno studio di “Autopromotec” che a sua volta si baserebbe su uno “studio del Politecnico”.
Peccato che il giornalista e Autopromotec -o in malafede o per ignoranza- semplificano prendendo in esame il solo CO2, l’anidride carbonica, come “inquinamento”. Peccato che il CO2 non sia dannoso, in queste concentrazioni, per la salute umana (sebbene sia un grosso problema per l’effetto serra). Peccato che lo studio originale dica anche che per quel che riguarda il PM10 a Milano il 73% dell’origine sia il traffico e solo il 24% i riscaldamenti. E chissà come mai questo dato non viene citato nel pezzo. Ma mentre le polveri sottili sono responsabili in Italia di 59500 morti premature all’anno il CO2 non ne causa.

Però il danno ormai è fatto. L’articolo ha già centinaia di condivisioni e così noi dovremo ancora combattere contro la disinformazione e il pregiudizio che la causa principale dello smog in città siano i riscaldamenti.

Condividi
Share

Leggi tutto

Newsletter

Noi e Milano, 100 metri sotto il cielo

 

Cari amici,

la prima immagine tratta da MilanoCam.it ci mostra il tramonto del 17 dicembre, la seconda immagine di ARPA Lombardia mostra la qualità dell’aria nella stessa giornata… L’assenza di vento e l’inversione termica tipica dell’inverno favoriscono l’accumulo di inquinanti al suolo. A Milano e dintorni passiamo le giornate in uno strato di 100 metri di polveri, gas tossici e nebbia. Poco sopra un cielo stupendo ma noi viviamo lì sotto.
Lo ripetiamo ancora una volta: la colpa non è del meteo, né della conformazione della pianura padana. La nebbia è un fenomeno naturale e non è tossica, mentre polveri sottili e ossidi di azoto li emettiamo noi, soprattutto con i mezzi motorizzati, soprattutto con i diesel. La Lombardia ha uno dei tassi di motorizzazione più alti d’Europa: su 10 milioni di abitanti, ci sono 6 milioni di automobili, 1 milione di moto e motorini e solo 11 mila autobus…

Noi non ci perdiamo d’animo e quest’anno che si va concludendo abbiamo avuto grandi soddisfazioni: (altro…)

Condividi
Share

Leggi tutto

Newsletter

#12domande – le risposte di Beppe Sala e Stefano Parisi

parisi_salaDomenica 19 giugno con il ballottaggio la città di Milano sceglierà il sindaco per i prossimi 5 anni.
Vogliamo ricordare quanto è importante la figura del sindaco nella lotta allo smog. Secondo la legge (D.lgs. 18 agosto 2000 n. 267) il sindaco è il primo responsabile della salute pubblica della città e lo smog è la più grave forma di inquinamento a Milano costando in media circa un anno di vita ai milanesi (studio VIIAS 2015).
Il 5 maggio abbiamo sottoposto ai 9 candidati sindaci 12 domande su ambiente e mobilità, e più in generale sulla qualità della vita. Hanno risposto in 7 fra cui i contendenti al ballottaggio Beppe Sala e Stefano Parisi. Vista l’importanza del voto del 19 giugno per i nostri temi, vogliamo quindi riproporre qui le risposte dei due candidati alle nostre 12 domande. Per semplicità di lettura abbiamo mantenuto la divisione in blocchi preceduta dalle nostre note introduttive e le risposte sono in ordine di ricezione. (Segnaliamo anche che il candidato Marco Cappato dei Radicali al ballottaggio si è apparentato con Beppe Sala, trovate le sue risposte sul nostro sito).
Buona lettura e buon voto!
(Ricordiamo che domenica si può votare fino alle ore 23).
(altro…)

Condividi
Share

Leggi tutto

Newsletter

Migliorare la mobilità in 5 mosse

Cari amici,

il 14 e 15 giugno con la festa finale inaugurata dal sindaco Giuliano Pisapia e l’esposizione degli oltre mille manifesti delle classi si è conclusa l’edizione record di Siamo nati per camminare 2016: quasi 23.000 bambini milanesi hanno mostrato ai grandi che un’altra mobilità è possibile (se vi sieti persi la bellissima mostra visitate la galleria foto dedicata sulla nostra pagina Facebook).

L’obiettivo del progetto non è di ridurre lo smog ma di far sperimentare ai bambini la città come bene comune e di far loro comprendere che la vera ricchezza e vitalità di una città la si coglie da ciò che accade nelle sue strade. In questo senso ciò che dice l’architetto Louis Kahn è per noi una perfetta sintesi dell’obiettivo finale dell’iniziativa: “Una città è quel luogo dove un bambino girovagando vede qualcosa che gli preannuncia quel che farà per il resto della vita”.
Mettere i bambini nella condizione di poter “girovagare”, di poter entrare in relazione con la città, non solo attraverso laboratori e percorsi guidati che sembrano andare oggi molto di moda, ma anche in maniera spontanea è per noi un obiettivo primario. Perché ciò sia possibile è necessario fare spazio a tutti coloro che desiderano vivere in una città a misura d’uomo, sicura, accessibile, piacevole, respirabile.
(altro…)

Condividi
Share

Leggi tutto

Newsletter

Bike to school day: vieni anche tu il 29 novembre!

Creare sicurezza nella mobilità è compito di chi governa.
Oggi invece da tempo i cittadini indicano il problema e, da ancor più tempo,  attendono soluzioni. Ne sono una riprova i dati  relativi al 2012 pubblicati ieri dall’Osservatorio sulle utenze deboli  che indicano – per Milano – un incremento degli incidenti e dei morti con vittime pedoni (+ 64%) e ciclisti (+25%) rispetto al 2011.

In attesa che l’amministrazione si assuma le sue responsabilità di governo del territorio in termini di mobilità Genitori Antismog plaude e sostiene la bellissima iniziativa “in bici a scuola a Milano”, promossa da qualche settimana a Milano da gruppi di genitori di varie scuole elementari che, con l’aiuto di Critical Mass Milano, vuole evidenziare l’insicurezza della ciclabilità a Milano e sostenere concretamente – creando un cordone di sicurezza – i bambini che desiderano recarsi a scuola in bicicletta.

Genitori Antismog aderisce e sostiene il Bike to school day Nazionale che si terrà giovedì 29 novembre in molte città d’Italia e che a Milano si articolerà come sotto indicato.

Invitiamo chi ci segue a sostenere questa iniziativa, a creare propri gruppi scuola coordinandosi con inbiciascuola@gmail.com, e a partecipare attivamente al servizio di sicurezza dei bambini e collegandosi al sito https://www.facebook.com/inbiciascuola per essere aggiornato sugli appuntamenti nella propria zona.

Gli appuntamenti attualmente previsti per il 29 novembre a Milano sono:

  • ore 8:00, parco Solari, e da lì in bici verso le scuole di via Bergognone e di via Ariberto e del convitto Longone (via degli Olivetani)
  • ore 8:00, fermata M1 Gorla, e da lì in bici verso la scuola di via G. Mattei
  • ore 8:00, piazza Santa Maria delle Grazie, e da lì in bici verso la scuola di via Sant’Orsola
  • ore 8:00, largo Zandonai angolo via Panzini, e da lì in bici verso la scuola di via Rasori
  • ore 8:00, piazza Tommaseo, e da lì in bici verso la scuola di via Ruffini
  • ore 8:00, via Cuccagna, e da lì in bici verso la scuola di via Colletta
  • ore 8:00, piazza Dergano, e da lì in bici verso la scuola di via Guicciardi
Condividi
Share

Leggi tutto