Rassegna stampa

Emergenza Smog

I Genitori Antismog evidenziano come le politiche antismog siano assolutamente inefficaci, soprattutto quando le condizioni atmosferiche non sono favorevoli. Mancano non solo misure antismog d’emergenza, ma anche strutturali, e se in questi anni  Milano ha ottenuto qualche risultato contro le polveri sottili, di certo non lo si può dire riguardo le emissioni dell’altro principale inquinante legato al traffico, l’NO2 (biossido di azoto).

Föräldrar emot smog 29 december 2015.pdf

Allegati

Condividi
Share

Leggi tutto

Rassegna stampa

Perché in italia si muore di smog?

«Serve un incremento del trasporto pubblico e della ciclabilità. A livello europeo, è necessaria una revisione della direttiva sulle emissioni inquinanti con sanzioni più severe: il nostro Paese ha già subito 3 procedure di infrazione e una condanna per il mancato rispetto dei limiti che riguarda 55 città. E sono sempre gli stessi: quindi non hanno fatto nulla per migliorare»

Condividi
Share

Leggi tutto

News

Anche il FAI combatte l’inquinamento

L’inquinamento dell’aria non danneggia solo la nostra salute, gli ecosistemi e quindi la flora e la fauna, ma anche il nostro patrimonio culturale.

Gli inquinanti contenuti nell’aria corrodono, anneriscono e degradano i nostri monumenti e quindi impoveriscono il nostro patrimonio culturale. Ciò rappresenta spesso un ingente costo conseguente alla necessità di restauro dei monumenti,  altre volte invece una perdita irreparabile dell’integrità artistica dei nostri monumenti.

Per evidenziare questo tema il FAI, dal 2013,  ha aderito all’European Environment Bureau e ci affianca nel sostenere attivamente le politiche per la riduzione degli inquinanti dell’aria e ha predisposto con il CNR e la nostra collaborazione, un bellissimo documento sul tema dell’impatto dell’inquinamento dell’aria sui monumenti “Il respiro dell’arte“.

Condividi
Share

Leggi tutto

Comunicazione

A Milano troppo traffico vicino alle scuole: la salute degli studenti è a rischio

Il 52,7% delle scuole del Comune di Milano si trova a meno di 75 m da strade percorse da più di  10.000 veicoli al giorno. Più di 100 mila studenti- il 56% della popolazione scolastica – sono esposti ogni giorno a elevati livelli di agenti inquinanti. La denuncia arriva dall’Associazione Genitori Antismog, che ha raccolto i dati forniti da AMAT (Agenzia mobilità, ambiente e territorio del Comune di Milano) ed è oggetto di una inchiesta del Corriere della Sera.

Allegati

Condividi
Share

Leggi tutto

Rassegna stampa

Quei centomila studenti a rischo per il troppo smog. Primo studio a Milano

Istituti accerchiati da 200mila veicoli al giorno: questa la realtà quotidiana di Milano.

Ma c’è una buona notizia: Area C funziona!! Le misure locali di riduzione dello smog sono efficaci per la salvaguaria della salute.

Corriere 8 maggio 2014
Rassegna Stampa 8 maggio
Corriere, 11-maggio-2014

Allegati

Condividi
Share

Leggi tutto

Lettere spedite

Sito ARPA Lombardia: alcuni miglioramenti possibili

Abbiamo raccolto l’invito di ARPA Lombardia e dopo un confronto con i nostri sostenitori (che ringraziamo), un’analisi delle esigenze dei diversi stakeholders e un confronto con quanto fanno altre realtà simili, ecco la nostra lettera nella quale proponiamo diversi cambiamenti che potrebbero migliorare l’utilizzo del sito e la fruibilità dei dati pubblicati. Questi in particolare dovebbero essere disponibili IN TEMPO REALE!

Allegati

Condividi
Share

Leggi tutto

Newsletter

Giugno 2012

I FUMI DEI DIESEL SONO CANCEROGENI PER L’UOMO

Il 12 giugno scorso l’Agenzia Internazionale per la Ricerca sul Cancro dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (IARC) ha “promosso” i fumi dei motori diesel da “probabilmente Cancerogeni per l’uomo”,  alla categoria 1, ovvero quella delle sostamze sicuramente cancerogene per l’uomo.

E’ una affermazione storica che non può lasciare indifferenti ove si rifletta che

  • i nostri figli nascono e crescono in mezzo ai fumi dei diesel
  •  abbiamo un livello di motorizzazione (diesel in particolare) assolutamente unico in Europa
  • in Lombardia il 90% dei mezzi merci sono diesel
  • la Lombardia ha il più alto tasso di tumori ai polmoni in Italia
  • la stessa IARC, concludendo il comunicato contenente la storica decisione ricorda che è ormai noto che le emissioni dei diesel causano non solo tumori ma molti altre patologie e gravi danni alla salute
  •  anche le emissioni della benzina – che sono solo un gradino più in giù nel podio dei cancerogeni – sono sospettate di provocare tumori nell’uomo.

L’unica conclusione da trarre è che occorre una mobilitazione della cittadinanza per fare sì che si possa ottenere che vengano attuate drastiche politiche di riduzione dell’esposizione della popolazione ai fumi dei diesel (e non solo) e questo, in Lombardia, passando innanzitutto per una importante rivoluzione della mobilità che riduca drasticamente i chilometri percorsi con mezzi privati e mezzi merci e quindi gli inquinanti nell’aria.

OZONO

L’ozono – i cui componenti precursori sono in gran parte le emissioni da trasporto – è alle stelle, ben oltre la soglia di informazione (“livello oltre il quale vi è un rischio per la salute umana in caso di esposizione  di breve durata per alcuni gruppi particolarmente sensibili della popolazione e raggiunto il quale sono necessarie informazioni adeguate e tempestive” Dir. 2008/50/CE) che impone alle nostre autorità di informare via “radio, televisione, stampa o internet” la popolazione delle misure da adottare per ridurre i danni alla salute derivanti da questo inquinante che, come insegnano gli studi scientifici, è causa diretta di morti premature.   Ma le nostre autorità tacciono ….Leggete l’informativa dal sito di Arpa Lombardia.

DUE SEGRETI PER MILANO

SEGRETO N. 1: I diritti  dei pedoni – Sai che dal 2010,  “i conducenti devono” non solo  “fermarsi quando i pedoni transitano sugli attraversamenti pedonali “ ma anche “dare la precedenza, rallentando e all’occorrenza fermandosi, ai pedoni che si accingono ad attraversare sui medesimi attraversamenti” (art. 191 del Nuovo Codice della Strada). La violazione dell’obbligo è soggetta ad una sanzione che va da 154,00 a 613,00 €. CHIEDI AI NOSTRI VIGILI DI APPLICARLA!

SEGRETO N. 2:  Possiamo ridurre le nostre emissioni senza cambiare l’auto? Si, fino al 30%! Per imparare guarda il filmato   Ecodriving, a cleaner and cheaper solution – sul sito dell’Agenzia Europea dell’Ambiente.

 

 

Condividi
Share

Leggi tutto

News

Inquinamento in Europa 1990-2004: particolato e ozono non calano

Il Rapporto dell’Agenzia Europea dell’Ambiente – Il rapporto analizza il trend delle emissioni inquinanti in Europa e gli effetti sulla salute e sull’ecosistema nel periodo dal 1990 al 2004. In questo quindicennio parecchi inquinanti si sono ridotti, ma non tutti: l’ozono e il particolato sottile restano a concentrazioni molto elevate, soprattutto in aree come la Pianura Padana. Il particolato sottile (PM2-5), in particolare, è riconosciuto come la minaccia più grave, fra gli inquinanti dell’aria, per la salute umana.

http://www.eea.europa.eu/publications/eea_report_2007_2

Condividi
Share

Leggi tutto

News

Confermato il legame tra ozono atmosferico e morte prematura

L’esposizione a breve termine all’ozono atmosferico, alle concentrazioni presenti attualmente in molte zone del mondo, è in grado di contribuire alla morte prematura degli esseri umani. Questo è il messaggio che esce senza mezzi termini dal nuovo rapporto del National Research Council americano.

http://www8.nationalacademies.org/onpinews/newsitem.aspx?RecordID=12198

(altro…)

Condividi
Share

Leggi tutto